Le amiche a cui piace ricamare a macchina e che mi sostengono: GRAZIE!

venerdì 5 luglio 2013

UN GRANDE AIUTO INSPERATO

Eggià, la crisi sta colpendo anche me come milioni di italiani. Ogni giorno la vita diventa più dura e affrontarla diventa difficile. Ma quando ho letto che Equitalia non provvede a recuperare 545 MILIARDI di Euro compilando una lista di "intoccabili" mi sono sentita furiosa! (l'articolo qui )
Ma come?, abbiamo un'Italia a scatafascio, gente martoriata dalla stessa Equitalia, tasse che crescono, mercato del lavoro non solo crollato ma adirittura polverizzato, Banche che crocifiggono, un Governo che ci fa credere che è un miracolo se l'IVA non cresce fino a settembre con un costo di 1 miliardo di Euro e c'è chi ha evaso per 545 miliardi???????????????
Questo mi ha fatto scrivere una mail (che vi riporto) a chi aveva fatto l'articolo:

Buongiorno,
ho trovato il Vs. sito per caso, seguendo la notizia su Facebook relativa alla lista degli INTOCCABILI di Equitalia.
Vorrei portare a Vs. conoscenza cosa mi sta capitando:
Ho 49 anni, sono Trentina, lavoro da quando ne avevo 14. La schiena l’ho piegata tanto, pagando sempre (anche in tempi d’oro) tutto ciò che mi si chiedeva. Ad un certo punto della mia vita, la schiena a forza di piegarla si è rotta. Mi spiego meglio, ho subito 3 operazioni alla spina dorsale in 4 anni, di cui l’ultima è stata un trapianto di osso da donatore e l’inserimento di una protesi di plastica. Bene, perchè dopo un anno di sedia a rotelle e morfina per i dolori, finalmente mi rimettono in piedi. Sostengo le visite all’ASL e mi dichiarano invalida al 47% anche per il lavoro., tant’è che il mio datore di lavoro approfitta degli incentivi per l’assunzione di un invalido. Poi, per motivi familiari molto gravi e l’incompatibilità  col lavoro che svolgevo (disegnatore tecnico presso una carpenteria, in teoria sarei dovuta rimanere in ufficio ma il titolare pretendeva che salissi sulle impalcature di 3 o 4 piani delle case in costruzione per prendere misure) ho deciso di aprir e una mia attività artigianale un po’ più tranquilla. Adesso arrivo al punto: con una partita IVA devo pagare i contributi come se fossi sana al 100% mentre da dipendente ne pagherei solo una parte, stessa cosa vale per gli Studi di settore che pretendono da me un lavoro al 100%. Non ce la faccio più, quando ho sollevato la questione all’Associazione Artigiani del mio territorio mi sono sentita rispondere che le cose stavano così e che se non mi andavano bene dovevo farmi assumere da qualche altra ditta. Ho cartelle Equitalia che non riesco a pagare, e quando vado a fare quel poco di spesa conto i centesimi. Ripeto, non ce la faccio più a sopportare questa umiliazione e non riesco più a lavorare come un asino (quando ho le commesse per farlo) con conseguenti giornate a letto per il mal di schiena (che non vengono conteggiate come possibili fermi lavoro dall’Agenzia delle Entrate). Ho provato a contattare l’Agenzia del Lavoro locale e mi è stato detto che nessuno richiede più nemmeno gli invalidi... Credetemi, mentre Vi scrivo ho le lacrime agli occhi, per la vergogna,  per la rabbia e per un grande senso di impotenza che non ho mai provato prima. Sono sempre stata autonoma, ho sempre provveduto per me e per gli altri (una figlia e un nipotino), ma adesso mi rendo conto che non mi rimane nulla. Cosa mi resta da fare? Non lo so. Forse nulla, forse ribellarmi, forse andarmene. So solo che dovrò decidere in breve tempo perchè la situazione sta precipitando.
Scusate lo sfogo, ma quando ho letto che Equitalia recuperando almeno una parte dei 545 miliardi della lista dei privilegiati, risolverebbero le urgenze di un’Italia allo sfascio e che la notizia non sia stata resa pubblica dalle televisioni e dai giornali in maniera battente, sono rimasta talmente schifata da ripensare alla mia cittadinanza Italiana.


RingraziandoVi per la Vs. considerazione, porgo distinti saluti.

L'ho inviata alle 10 e 20 e dopo un'ora ricevo la telefonata di FEDERCONTRIBUENTI. Stentavano a credere che un invalido non fosse considerato tale quando apriva una partita IVA. 
Da quel momento un turbinio di cose sono successe: giornali e TV in casa, il giorno dopo. La mia storia pubblicata in lungo e largo in internet.
Spero di riuscire a combattere e vincere una piccola battaglia, non solo per me ma per tutti quelli che subiscono l'ingiustizia di essere considerati di serie non A, non B ma C!
Vista la disponibilità, la voglia di aiutare e la preparazione di questa Associazione (cosa molto IMPORTANTE: non legata a partiti, sindacati o allo Stato, ma completamente libera ed autonoma), ho deciso di abbracciare la loro filosofia e di portarla a vostra conoscenza. Magari qualcuno di voi potrebbe averne bisogno, visto che coprono tantissime problematiche come potete vedere qui
Trattano un po' tutti i problemi che possono insorgere: banche, telefonia, energia elettrica e quant'altro.
Spero di esservi stata utile.









lunedì 3 giugno 2013

Nuovi murales

Ho cominciato a caricare sul mio e-shop i nuovi murales. Si tratta di adesivi da attaccare ai muri o ai mobili per rendere la casa più allegra e personale. Da oggi c'è una serie di animaletti per le camerette che sono coordinabili tra di loro. In due misure ognuno, sono offerti in una grande gamma di colori, ma se non trovate il vostro contattatemi che vediamo di trovarlo.




lunedì 20 maggio 2013

Novità: un cuscino per lasciare un messaggio

Ecco il nuovo cuscino che sarà messo in vendita in vari colori da giugno. Ricamato e personalizzato con il nome che si desidera, ha una lavagna dove lasciare scritto un messaggio. E se vogliamo cambiare il messaggio? Niente paura, basta adoperare il cancellino inumidito che è attaccato al cuscino.





e questo è l'allegro retro


venerdì 3 maggio 2013

Decorazione della casa: nuova idea per renderla più fashion!

Tra mille impegni familiari, sono riuscita a rendere più carina la finestra della mia sala. E' una pellicola adesiva che si può mettere anche all'esterno ed il bello è che dal rovescio ha lo stesso colore che perciò decora anche la visibilità interna. Facile da mettere, resistente tanto che si possono lavare i vetri tranquillamente. Quando non mi piacerà più o sarò stufa, basterà riscaldarla leggermente con il phon e tirarla via.
Della stessa serie lo stencil per decorare i muri e i cuscini con lo stesso disegno in floccato che presto posterò.


Questo adesivo è bianco ma si può avere nei più svariati colori e si può anche attaccare ai mobili o alle porte, l'importante è che la superficie sia liscia. Dunque, perchè non decorare la casa per renderla più fashion?

mercoledì 6 marzo 2013

Ricapitato di nuovo. La saga Bartolini...

Circa 20 giorni fa mi cade un rotolo di pellicola sul pc portatile. Ed ecco fatto il danno: pc morto. Dopo aver girovagato in zona per un paio di giorni nella speranza di poterlo aggiustare, mi rassegno al fatto che almeno siano riusciti a  tirarmi fuori i file dei lavori fatti.  Essì che il mio oroscopo del periodo mi diceva fortuna!!!!!!! Vabbè, mi metto all'opera cercando nel web. Volevo la stessa marca del portatile defunto perchè mi ero trovata bene. Dopo pagine e pagine di ricerca per il miglior prezzo alle stesse prestazioni, il mio piccolo Talebano (mio nipote) strilla come un pazzo vedendo che su un sito che vendeva pc , c'era il disegno di Mario Bros di cui lui è letteralmente innamorato. Guardo i prezzi e vedo che sono estremamente convenienti e così decido di ordinare il pc portatile. Passano i giorni e vado a cercare di tracciare il pacco con il codice fornito gentilmente dalla ditta, ecchetivedo?????????????????? CONSEGNATO!
Ma come? Ma a chi? Quando? (il giorno prima)
Noooooo, nooooooooooooooooooo, noooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
di nuovo?
Mando una mail alla ditta che mi risponde solertemente e con cortesia incredibile: indagheranno presso Bartolini. Il giorno dopo mi dicono che Bartolini ha consegnato e che ha una ricevuta firmata, che mi fanno avere in allegato. Mhhhhhhhhhhhh ma la firma NON è la mia. La ditta mi chiama telefonicamente, cerca di calmarmi perchè ero stra-furiosa e mi assicurano che sporgeranno reclamo al trasportatore.
Il giorno dopo mi arriva l'autista Bartolini e comincia a dirmi che lui il pacco lo ha consegnato (ok, ma a chi?) che non si ricordava a chi e che gli sembrava di averlo dato a quello che abita sotto di me (non ci sono appartamenti, nè cantine ma solo sassi sotto di me... )
Poi, comincia a dirmi che il pacco lo avevo io e che dovevo tirarlo fuori. Se non gli sono saltata addosso deve ringraziare solo il mio mal di schiena, comunque ho minacciato di chiamare la Polizia tanto che il tipo se nè andato in fretta.
I giorni passavano e io ero ferma con del lavoro, dato che il pc precedentemente defunto e ormai mummificato, comandava un plotter da taglio e i Clienti cominciavano a spazientirsi.
Per farvela breve: avuta la visita del responsabile dell'autista, dapprima indagatore poi ammettitore dell'inghippo, disposto a pagare il danno. Nel frattempo la ditta che si chiama Handel Marke si è interessata telefonicamente ogni santo giorno con più chiamate, tanto che alla fine erano disposti a mandarmi un pc e poi risolvere la questione con Bartolini visto che si stavano dilungando i tempi.
Morale della favola, dopo 3 giorni mi ricapita ancora lo stesso autista con il pc in mano (pagato da loro). La cosa che più mi ha fatto innervosire è stato nel consegnarmelo mi dice che gli è venuto in mente cosa aveva fatto: aveva suonato ma nessuno aveva risposto e visto il cancello aperto, era entrato lasciando il pacco sulle scale e firmando la ricevuta se n'era andato convinto di aver fatto buona cosa. Nella casa dove abito siamo solo in due famiglie: la mia e quella della sorella del mio compagno. Ogni famiglia è composta di due persone, perciò siamo 4 gatti in tutto. Nessuno aveva visto questo pacco. Ma l'autista, malgrado una violazione di proprietà privata e una falsificazione della mia firma, in quel momento mi stava smaronando perchè secondo lui dovevo denunciare i miei vicini per furto! Io? Ma non ci penso minimamente!
Dulcis in fundo, mi dice che lui ha avuto un danno perchè ha dovuto pagare il computer! Non ci ho visto più! Gli ho urlato che il danno lo avevo avuto io con la ritardata consegna dei lavori e che se non sapeva fare il suo lavoro che se ne andasse a zappare la terra!
Apro il pacco ecchetitrovo insieme al pc? Un bellissimo puppazzetto di Mario Bros per il mio nipotino.
Grazie Handel Marke per la cortesia, per la pazienza avuta e la volontà di non abbandonare un Cliente nel post vendita. Vi consiglio di andare a curiosare i loro prodotti.


mercoledì 2 gennaio 2013

Una tigre da sfoggiare

Visto che la mia maglia con le ali è piaciuta molto, mi sono lanciata in un altro disegno: la testa di una tigre. Le cose facili non mi sono mai piaciute, tanto che alla fine ho contato oltre 1630 strass.


Domani la sfoggierò, sicura di brillare.
Un strabacio a tutte.


sabato 29 dicembre 2012

UN BUON ANNO SCINTILLANTE

Eccomi ad augurarvi un meraviglioso 2013. Visto che il difficile 2012 sta finendo, oggi mi sono preparata una T-shirt a maniche lunghe che indosserò scaramanticamente il 1° gennaio. Come tema ho scelto le ali di un angelo per augurare e augurarmi un anno leggero, spensierato, con un modo di vivere meno pesante. Speriamo!
Intanto vi faccio vedere il procedimento che ho usato:


Ecco pronte maglietta e cartina strass (che potete trovare nel mio e-shop), intanto ho scaldato il ferro da stiro su "cotone"

Tolgo la carta protettiva bianca, facendo attenzione a non spostare gli strass


Posiziono il disegno dove voglio che si attacchi

 "tampono" premendo per 10/15 secondi il ferro senza vapore, cercando di coprire tutto il disegno

Qui vedete i segni di dove ho premuto, ho lasciato raffreddare per circa 1 minuto

 ed ho tolto la cartina protettiva.


Stirato sul rovescio, sempre tamponando e senza vapore, ho aspettato che si raffreddassero. Questo è il risultato.
Ali leggere, strass scintillanti! Auguri a tutte con un milione di strabaci.





giovedì 20 dicembre 2012

Eccoci............ siamo quasi a Natale



Anche quest'anno siamo arrivati quasi alla fine e in prominenza del Natale. E come ogni anno non sento nessun spirito natalizio. Sarà che ogni anno diventa sempre più pesante, sarà che ogni anno invecchio male, sarà che alla fin fine ne ho veramente le scatole piene, ma di farmi venire uno spirito natalizio non c'è verso. Ma il malefico vecchietto in pigiama rosso non dovrebbe portare regali? Sembrerebbe che quest'anno, invece, ci abbia spennato ben bene. Ah già mi vedo come quei polletti biancastri che vendono alla Lidl e questo mi fa incazzare di brutto. Se poi ci mettiamo che televisione, radio, giornali parlano altro che di politica e di tasse, di spread e di debito pubblico, ecco che mi viene il voltastomaco. Ma una riflessione devo farla, visto che adesso tutti i grandi capoccia fanno la coda come dei pavoni di cartapesta. Ma se non c'eravamo noi "popolani" a sostenere tutta la baracca, cosa facevano? Ecco, allora visto che nessuno lo fa, lo faccio io: GRAZIE, grazie a chi ha fatto grossi sacrifici contando i centesimi in tasca, grazie a chi per fare i regali natalizi ai bimbi si è inventato l'handmade, grazie a chi va a lavorare malgrado non prenda uno stipendio, grazie a chi rinuncia ad un litro di latte in casa ma manda un sms di sostegno al volontariato, grazie a chi mi ha sorriso malgrado le difficoltà, grazie alla gente normale.
Siamo noi i veri spiriti del Natale, con i biscotti fatti in casa e le riunioni familiari con il tombolone.
Auguro a tutti un Natale pieno di allegria e spensieratezza, almeno per un giorno.
Strabaci a tutti

lunedì 26 novembre 2012

Di nuovo bomboniere

Ancora una volta mi hanno chiesto di fare qualcosa per una fiera e tra le altre cose ho proposto i gessetti profuma ambiente.















Ho aggiunto un lungo nastro in maniera da poterle appendere, due gocce di olio profumato e vi assicuro che mi ha innondato il laboratorio. Ne ho tenuta una in vista e fa la sua bella figura oltre a profumare tutto l'ambiente in maniera piacevole. Per chi le volesse le può trovare sul mio e-shop dal 1° dicembre.


Un'altra cosa che ho fatto è questo asciugamano, con monogrammi in tecnica embossed bianco e oro.
E per finire l'ultimo "esperimento": un velo da sposa con pizzo ricamato a macchina.
Come si presenta alla luce artificiale



e fuori alla luce solare



Sì, avete visto bene, al sole le farfalle diventano viola.
Tutto sul mio e-shop dal 1° dicembre.


lunedì 15 ottobre 2012

Perchè il ricamo che faccio su tela non viene bene su maglina?

Pegaso mi domanda perchè quando fà un ricamo su tela e poi lo fà su maglina non è uguale. Dipende da una miriade di variabili: intanto cominciamo dalla prima, la punchatura del ricamo. Non tutte le punchature vanno bene dappertutto. I fattori che compongono una buona punchatura sono molti e uno tra questi la "destinazione d'uso" o capo dove si và ad eseguire il ricamo. Perciò più il tessuto è stabile meno problemi avrò mentre se è instabile dovrò pensare a come renderlo "fermo" con più o meno sottopunto. Un'altra variabile è lo stabilizzatore o flisellina. Un buon trucco per rendere abbastanza stabile e rigido il tessuto è quello delle 2 fliselline: una morbida e una  a mano secca come vi avevo già spiegato negli stabilizzatori. Per la maglina e i tessuti elastici è anche consigliato mettere sopra dell'idrosolubile perchè il piedino premistoffa tende a schiacciare il tessuto che essendo elastico si deforma e rischia di fare dei brutti "spostamenti" o sfalsature del ricamo, inoltre con l'idrosolubile si evita che l'ago nella risalita vada a tirarsi dietro il tessuto con brutti grovigli del filato ed eventuali rotture filo o bucature della maglia.
Fate sempre delle prove con del tessuto simile a quello destinatario del lavoro, con gli stessi stabilizzatori o fliselline che volete utilizzare così da rendervi conto come può essere la resa del lavoro finale.
Purtroppo cara Pegaso non posso darti una risposta senza vedere cosa ti combina la macchina e queste indicazioni sono di massima. Invece per l'altra domanda relativa a cos'è un intelaiatore, ti rimando ad un video (qui) che vi permette di vedere una versione hobbistica di cos'è un intelaiatore. Per chi come me ha macchine industriali viene fornito all'acquisto già incluso nel pacchetto macchina e si usa quando si hanno molti o moltissimi pezzi tutti uguali da fare.
Sempre a Vs. disposizione, Vi mando un strabaciotti.

Alice