Le amiche a cui piace ricamare a macchina e che mi sostengono: GRAZIE!

sabato 29 settembre 2012

Posizione lato cuore


Carissime, torno per un post veloce veloce. Mi è stato chiesto se ci sono delle linee guida per posizionare i ricami. Sì e no, cioè esistono delle regole non scritte che posizionano i ricami nei vari punti ma poi ognuno fà un po' quello che vuole e le mode contribuiscono a rivoluzionare anche queste "regolette". Comunque, per fare un lato cuore (posizione classica di loghi, scritte e abbellimenti vari) si procede in questo modo:
innanzitutto la posizione è a sinistra di chi indossa e a destra di chi guarda perciò si parlerà di lato cuore ma noi lo eseguiremo alla nostra destra guardando la maglia.
Si traccia il centro verticale della maglia (basta piegarla a metà e passare con un'unghia) e questa sarà la nostra riga A.
Poi a circa 1/3 della scalfatura, partendo dall'ascella si traccia una linea orrizzontale perpendicolare con la linea A, e sarà la nostra linea B.
Adesso viene il bello! Si deve tenere il ricamo a circa 4 cm. dalla nostra linea A e a cavallo della linea B. Per avere la distanza del centro del ricamo dalla linea A basta avere questa formuletta: 4+(larghezza ricamo:2) Perciò ipotizziamo di avere un ricamo largo 12 cm. , la metà è 6 cm.+4 di distanza dalla riga A=10 cm.Lì mi centrerò con il ricamo.
Di solito mi stampo il ricamo in scala 1:1 e provo a posizionarlo perchè alle volte ci vogliono degli aggiustamenti.
Nella richiesta di spiegazione mi veniva anche chiesto come fare tutti i capi uguali: se non si ha un intelaiatore bisogna segnarsi tutte le maglie con le stesse misure. Esistono in commercio dei pennarelli tessili che scompaiono dopo circa 24 ore, molto comodi per questo tipo di lavoro



Spero di essere stata esaustiva, ma se non lo fossi stata ditemelo!
Per quanto riguarda questo blog, dopo essermi sentita con alcune di voi, dopo aver avuto commenti e mail che mi dicevano quanto fosse "buono" il mio lavoro con voi , mi avete convinta:

NON LO CHIUDO!

anzi presto spero di darvi alcune novità che stanno bollendo in pentola.
Un strabacio a tutte



10 commenti:

  1. Ciao
    io personalmente sono molto felice che non chiudi il blog, come ti avevo scritto in privato tempo fa mi dispiaceva della chiusura.
    Tu per me sei un grande aiuto, perchè qui in Italia trovo che i negozianti non sono molto preparati, una volta venduto il prodotto finisce li, mentre secondo me per certi prodotti come le ricamatrici dovrebbe esserci sempre un filo conduttore.
    Rinnovo i complimenti e grazie ancora.

    RispondiElimina
  2. Ma che meravigliosa notizia!!! E spero anche che tu riapra il tuo shop....... un bacione enorme!!!!
    Buonanotte!!!
    Sara

    RispondiElimina
  3. Una bella notizia! Brava!
    E grazie per la spiegazione esaustivissima!

    RispondiElimina
  4. wow, Aliceeeeeeee, grazie per il tutorial e per la bellissima notizia che non chiuderai il blog!! sai che mi sento in parte un pochino la seconda mamma di questo posticino virtuale... ;)
    un bacioneeeeeeeeee

    RispondiElimina
  5. ciao alice... grazie per questo tutorial e per aver tenuto aperto il blog, taced

    RispondiElimina
  6. Ciao io sono Silva della Pegaso,
    ti ringrazio tantissimo per aver risposto alla mia domanda del lato cuore, non credevo che mi rispondessi.
    Nella tua spiegazione parli di un intelaiatore sai dove si trovano...
    altro problema che ho riscontrato è quando vado a ricamare sulle t-shirt; in prova su tela, la scritta o il logo mi viene bene ma quando la ricamo sulla maglia i punti sembrano sparire e soprattutto il vuoto della A si tappa tutto, è possibile che sia un problema di densità punti!!!!!!!!!!!!
    Un grosso saluto e mi unisco alle altre per la bella notizia che non chiuderai - SILVIA

    RispondiElimina
  7. Grazie di cuore a tutte! Per Pegaso: farò un post dove cercherò di spiegare ciò che mi domandi.

    Strabaci

    RispondiElimina
  8. Ciao Alice, sono Silvia della Pegaso è da un pò di tempo che non scrivo.
    Ora sono davanti al computer per risolvere un altro problema che si è presentato. Ti spiego meglio....., prima di comprare la ricamatrice professionale facevo fare i lavori ad un terzista; dato che ora ho i mezzi per procedere da sola ho chiesto di avere i clichè pagati e realizzati. Sorpresona, quando ho caricato la chiavetta dei loghi ho scoperto che sono tutti in formato .emg, formato che la mia macchina non legge.
    Alice, come posso trasformarli in formato .pes?
    In attesa ti mando i miei auguri di buona pasqua e a tuto il forum.
    Silvia

    RispondiElimina
  9. Ciao Silvia, hai avuto la sfortuna di avere un terzista poco serio. Mi spiego: i file che ti ha dato sono di origine e di solito non si danno perchè illeggibili per la maggior parte delle macchine, mentre si danno dei file tradotti in PES o DST. Questi non sono più modificabili ma almeno la macchina li legge. EMG non è un file riconosciuto dai miei programmi, ma sei sicura che sia EMG? Fammi sapere.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si i loghi sono in .emg
      Ho un altra domanda da porti.........
      Sai perchè quando ricamo "es una scritta" al momento del taglio del filo per passare su altra lettera, quest'ultima me la lascia con filo lente che si scuce.

      Elimina

Scrivetemi...