Le amiche a cui piace ricamare a macchina e che mi sostengono: GRAZIE!

domenica 4 marzo 2012

GLI STABILIZZATORI, QUESTO MONDO SCONOSCIUTO...

Eccomi, dopo tantissimo tempo a spiegare gli stabilizzatori. Vengono chiamati più comunemente fliseline o "la carta da mettere sotto". Ne esistono di diverse qualità (ognuna serve per ricami diversi) e grammature (il peso in grammi al metro quadrato).
Partiamo da quelle tipo carta a strappo, che può essere "a mano secca" e "a mano morbida". La prima serve per tenere ben disteso il ricamo ma si rompe facilmente con i cordoncini e così il ricamo tende a spostarsi. La seconda, molto più morbida perchè di solito contiene lattice, regge bene in fase di ricamo ma i cordoncini risultano più sottili e meno sostenuti. E allora che fare? io consiglio di solito di usare due fogli di stabilizzatore, uno a mano secca a contatto con il tessuto e uno a mano morbida rivolto verso il fondo del telaio. Questi saranno di grammatura leggera (40 o 50 gr./mq.) e espleteranno le loro prerogative: quello a mano secca terrà ben disteso e corposo il ricamo, quello a mano morbida impedirà la rottura e conseguente spostamento del ricamo. Spero di essere stata chiara, altrimenti ditemelo....
Ora passiamo all'idrosolubile: anche qui ne esistono di due tipi. Film idrosolubile e TNT idrosolubile, il primo si prenta come un leggero nylon trasparente e alle volte è microforato. Serve in generale per due cose: per tenere abbassato il pelo di certi tessuti (spugna, velluto, pile, ecc.) e per rendere più costante un ricamo su tessuti con trama irregolare (jersey a nido d'ape delle polo, tendaggi, tessuti in lino grezzo, ecc.)
Di solito si posiziona sopra il tessuto da ricamare, mentre sotto avremo sempre il nostro stabilizzatore a strappo, fatta eccezione per i tendaggi che hanno bisogno di maggiore trasparenza e in questo caso li intelaieremo con due strati di idrosolubile sotto e uno sopra. Il secondo idrosolubile (TNT idrosolubile) si presenta come un tessuto o uno stabilizzatore per patch ma si disfa in acqua. Questo serve per fare gli FSL (Free Standig Lace) o pizzi ed i ricami a intaglio. Quì ci vuole il ricamo adatto. Si intelaia questo tipo di stabilizzatore e si procede a ricamare direttamente su di esso per i pizzi o FSL mentre si usa con il tessuto per quelli ad intaglio. Una volta finito il lavoro taglieremo lo stabilizzatore in eccesso, laveremo il nostro capolavoro e questo rimarrà libero da ogni impurità di idrosolubile.
Per i tessuti che non possiamo bagnare e che abbisognano comunque di uno stabilizzatore che abbia la funzione del film idrosolubile, esiste un'altro prodotto che si chiama Easyclean. Si toglie con il calore del ferro da stiro e la comodità di questo prodotto è che una parte resta all'interno del ricamo (parte non visibile), mantenendolo in forma anche dopo numerosi lavaggi. Noi di solito lo usiamo per ricamare maglie in poliestere tecnico e maglie in jersey di lana.
Altro stabilizzatore che si usa è quello per le patch. Serve per stabilizzare il fondo che può essere in raso turco o in feltro. E' uno stabilizzatore che non si strappa ma si taglia e che rientra molto velocemente al passaggio di rifinitura con l'accendino. Ma non serve solo per le patch... abbiamo più volte avuto occasione di ricamare delle T-shirt che non erano una meraviglia, con ricami piccoli, elaborati, con tanti punti. In questo caso abbiamo usato questo tipo di stabilizzatore tagliandolo sul rovescio a 3o 4 mm. dal ricamo. Questo per evitare che le T-shirt si bucassero sia in fase di ricamo che in fase di uso e lavaggio al Cliente.
Alla prossima.

12 commenti:

  1. Bentornata!!
    Mi sei mancata!
    Grazie della tua bella chiacchierata sugli stabilizzatori, molto utile ed interessante.
    Spero di risentirti presto!

    RispondiElimina
  2. Grazie per la spiegazione e bentornata!!

    RispondiElimina
  3. ciao,bentornata,come stai?bello il post,non si è mai finito di imparare cose nuove.lory

    RispondiElimina
  4. ciaoo
    bellissimo blog

    della Turquia
    complimenti

    http://laracroft3.skynetblogs.be http://lunatic.skynetblogs.be

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutte e un strabacione

    RispondiElimina
  6. Aliceeeeeee, bentornataaaaaa!! come sempre arrivo in ritardo a controllare gli aggiornamenti dei blog!! sono davvero felice di rileggerti!! questo post sugli stabilizzatori è utilissimo!! grazie per averlo condiviso con noi!!
    un bacione...
    (il motto è... sempre avanti!!)

    RispondiElimina
  7. grazie Paola, un strabacio

    RispondiElimina
  8. Ciao Alice.Sempre molto chiare e interessanti le tue spiegazioni.

    Ciao

    RispondiElimina
  9. Ciao Anto, grazie.
    Strabaci

    RispondiElimina
  10. Che gioia rileggerti!!! Un bel post tecnico sul mondo INFINITO degli stabilizzatori. Un abbraccio Debora

    RispondiElimina
  11. Ciao Debora, anche per me è una gioia risentirvi...
    Grazie e un strabacio

    RispondiElimina
  12. quando usare gli stabilizzatori

    RispondiElimina

Scrivetemi...